Non c’è memoria perché manca la provocazione del futuro. La strage fascista di Bologna e i fischi a Sandro Bondi – 03/08/’09

29 anni, il 2 agosto 1980, fa alla stazione di Bologna il terrorismo fascista uccise 85 persone, ne ferì 200. Molti giovani, interrogati su quanto accadde, hanno mostrato di sapere ben poco di quel terribile fatto, hanno confuso fascismo e BR, nulla o quasi sapevano degli eventi di quegli anni.

Molte “giornate della memoria”, pochissima memoria. Molte commemorazioni, pochissima anima. E, con la loro solita superficialità, i nostri politici, ben supportati dalla stampa, prima o poi scaricheranno il problema sulla scuola. Diranno che bisogna rivedere i programmi, dedicare più “ore” alla storia del Novecento, preparare meglio gli insegnanti.

Il problema non è la scuola. Né la scuola può o deve prestarsi al ruolo di capro espiatorio di ogni problema.

Il problema vero è la mancanza di futuro. Se il futuro non interroga più, non provoca più, non chiede più, il passato muore per la seconda definitiva volta. Se il futuro muore, i giovani muoiono di alcool e noia, di angoscia e di vuoto, di follia e sorda disperazione.

È il futuro il motore della storia. Sono la sua imprevedibile incombenza, la sua illeggibile urgenza, la sua indefinita vitalità, il suo incomprensibile impatto a dire all’uomo e alla sua coscienza di guardare indietro, per trovare proprio lì, nel passato, i sentieri della previsione, della lettura, della definizione, della comprensione. La storia è maestra di vita, quando e soltanto quando il futuro ci spinge a interrogarla. Se non la interroga e provoca il futuro, la storia non ha senso, né prende vita, né interessa e vivifica il cuore e l’anima.

I giovani sono il futuro. Non a caso i greci li chiamavano “i nuovi”. Se non vivono e non respirano l’interrogazione del futuro che essi sono, è perché qualcuno, uccidendo il futuro, ha scippato e ucciso la loro anima. Ieri come oggi. Prima della democrazia le bombe fascista uccidono il futuro. Ecco perché scoppiano soprattutto nei momenti in cui il futuro cerca di emergere, mostrando le catene e rivelando i sotterranei di ogni sua negazione.

La strage di Bologna porta a compimento un periodo nefasto, che va dal ’68 alla strage di piazza Fontana, a quella di piazza della Loggia, all’omicidio Moro, periodo nel quale un’Italia nuova cercava di affermarsi e una democrazia nuova di costituirsi. L’Italia nel giro di una quindicina d’anni passa da società contadina, con assoluta prevalenza di occupazione nell’agricoltura, a società industriale (dato ISTAT del 1971) e poi a società del terziario (dato ISTAT del 1981). La mobilità sociale, paralizzata da millenni, improvvisamente esplode, si mette vorticosamente in moto. Accedono all’università homines novi, ragazzi con genitori analfabeti, contadini, operai. Un mondo stupendo e più partecipato e condiviso pare aprirsi. Tutti possono sperare di esprimersi al meglio, di studiare, amare, costruire, affermarsi in piena identità, partecipando alla costruzione di un mondo più bello e condiviso.

Se quel mondo stupendo fosse sbocciato, il diritto al futuro sarebbe stato garantito per generazioni.

E invece c’è il fascismo. Bianco, rosso o nero che sia, sotto sotto il fascismo è sempre fascismo, perché sempre uccide il futuro, la sua urgenza, la sua provocazione. Forse proprio per questo alcuni giovani interrogati sui fatti di Bologna si sono confusi, dicendo che a eseguire la strage erano state le BR. Forse nella loro ignoranza una cosa intuivano: chi agiva uccideva il futuro. I giovani spesso vivono le semplificazioni anche brutali, ma altrettanto spesso intuiscono le equazioni più micidiali, come quella che identifica e confonde tra loro la violenza onnipotente e omicida del fascista e l’isteria impotente ma altrettanto omicida del brigatista. In un caso e nell’altro è ucciso il futuro; Ogni omicidio, sempre e comunque, uccide la parola del futuro, nega la sua stessa possibilità. Questo i giovani lo intuiscono. Magari confusamente, ma lo intuiscono. Se non ci fosse in loro questa intuizione, non ci sarebbe in loro tanta angoscia disperata.

In quel quindicennio in Italia si era consolidato il patto tra la mafia italo-americana e la P2, dopo che lo sbarco in Sicilia degli americani nella fase finale della seconda guerra mondiale aveva ricucito in modo indissolubile il legame tra vecchia e nuova mafia, costruendo un asse transoceanico formidabile, alimentato dapprima dai soldi del piano Marshall e poi da quelli della ricostruzione e della rinascita economica d’Italia, con il boom industriale e il prodigioso avviarsi di un terziario molto aggressivo, in grado di imporre il made in Italy nel mondo intero. Proprio questo enorme formarsi di capitali portò al confluire degli interessi di mafia e P2, che trovarono nel pontificato di Paolo VI la loro consacrazione. Fu proprio Montini a fare conoscere tra loro a Milano Sindona e Calvi e poi a portarli con sé a Roma. Paradossalmente quello stesso papa che portò a compimento il Concilio diede anche di fatto inizio al potere perverso delle mafie e della P2.

La prossima possibile entrata del PCI nell’area di governo proprio grazie a Moro e a Berlinguer, l’impossibilità di tenere nascosti i nomi, la presenza e le trame della P2, il conseguente rischio della mafia di trovarsi allo scoperto fecero precipitare gli eventi. Di qui l’uccisione di Moro, mai chiarita nelle sue vere dinamiche; quanto di estraneo alle BR ci fu?, che parte ebbero i servizi segreti?, che ruolo ebbero Andreotti, Cossiga (Ministro degli Interni alla morte di Moro e Presidente del Consiglio alla strage di Bologna), la parte piduista del Vaticano e dei partiti?, quanto di P2 e di mafia ci fu in gioco nel delitto Moro?.

La contemporanea ascesa al Pontificato dapprima di papa Luciani con la sua precocissima e per molti versi misteriosa morte, poi di papa Wojtyla mischiarono non poco le carte di mafia, P2 e forze politiche loro collegate. Di qui il loro timore di perdere quella ancora nuova prodigiosa (per loro) cerniera politica e finanziaria garantita dalla copertura del Vaticano e dalle infinite e non indagabili possibilità di riciclaggio dello IOR. Né certo, collegati a tutto questo, vanno dimenticati fatti gravissimi: l’uccisione di Giorgio Ambrosoli, il 12 luglio del ’79, per mano di un killer inviato dalla mafia americana; l’inizio della troppo poco ricordata inchiesta a Trento, nel febbraio 1980, sul traffico d’armi, droga e riciclaggio connessi con Roberto Calvi e il Banco Ambrosiano.

Né credo sia un caso che, neppure un anno dopo la strage di Bologna, ci sia l’attentato a Giovanni Paolo II il 13 maggio del 1981. Neppure di certo è un caso che, subito dopo l’attentato al Papa, proprio Marcinkus (indubbia cerniera tra il capitale della mafia americana e l’Italia) sia oltre che Presidente dello IOR anche Pro-Presidente della Commissione Pontificia per lo Stato della Città del Vaticano, divenendo di fatto il plenipotenziario della finanza e della politica vaticane. È forse il prezzo che Wojtyla paga per l’aiuto, che, proprio grazie ai soldi dello IOR, può inviare in Polonia a Solidarnosc.

Mi piacerebbe che i fischi di Bologna ieri a Sandro Bondi non fossero soltanto manifestazione da stadio. Mi piacerebbe che anche uno soltanto di quei fischi esprimesse l’intuizione di quanto veramente c’è in gioco, l’intuizione che la “cosa” Berlusconi oggettivamente ha fatto e continua in grande parte a fare il gioco delle mafie, della P2, delle parti del Vaticano e dello Stato colluse con il riciclaggio, la guerra, la droga, cioè il gioco di quelle stesse forze che portarono alle stragi di quel quindicennnio e che ancora oggi detengono le trame del potere. Mi piacerebbe che anche uno soltanto di quei fischi, forte di questa intuizione, fosse l’urlo che reclama il diritto al futuro, la voglia di futuro, la bella gioia del futuro.

So quanto oggi sia difficile sperare (vedi il mio ultimo post 2009/07/31 – C’è ancora democrazia in Italia? Preludio complesso alla fine di Berlusconi, con attacchi a mafia, Vaticano S.p.a. e compagnia). So che oggi la liberazione dell’Italia è per certi versi impresa forse ancora più ardua e solitaria di quella che animò la Resistenza. So che non sono certamente né le armi, né il terrorismo la via della liberazione e della democrazia. Ci vuole intelligenza, sapienza del cuore e dell’anima, fiducia nell’uomo e nell’incontro tra le diversità umane. So che il cammino è molto lungo e che né io né la mia generazione molto probabilmente vedremo l’esito di questo cammino. Ma so anche che il futuro comincia già oggi: reclamandolo, volendolo, vivendolo il più possibile. So che i morti di Bologna, come tutti i morti uccisi da chi vuole uccidere il futuro, non possono né devono essere morti per nulla. A dirlo non è la commemorazione del passato. A dirlo è la volontà di futuro.

 

 

Annunci

Toh, l’Impregilo! Chi non muore … trova il canale giusto – 17/07/’09

Chi legge questo blog, già sa chi sia l’Impregilo. Vedi al proposito il post Chi ha costruito l’ospedale de L’Aquila? La profezia di Saviano. Ha costruito tra l’altro l’ospedale de L’Aquila, che, a differenza di edifici ben più antichi e con credenziali molto meno pretenziose, è crollato come un castello di carte. A quanto pare, i crolli portano bene e fanno curriculum, a tale punto che, udite udite, l’Impregilo insieme – soprattutto – alla spagnola Sacyr (48% Impregilo, 49% Sacyr) si aggiudica i lavori per l’ampliamento del Canale di Panama, per una commessa di 3,22 miliardi di dollari. A lavori ultimati (si pensa per il 2014), sarà rivoluzionato l’intero traffico marittimo mondiale, con tutte le conseguenze che questo comporta per il commercio lecito e meno lecito: da Panama passeranno navi con un potenziale di carico tre volte maggiore delle attuali. Nel frattempo, come ben si usa, i costruttori saranno ancora più affiatati con il potere politico che amministra il canale e il suo traffico.

Che l’Impregilo abbia ab antiquis temporibus amato – debitamente ricambiato – l’America latina, è cosa risaputa. Proprio grazie al potentisismo cardinale venezuelano José Rosalio Lara l’Impregilo ebbe, tra l’altro, parte molto rilevante in quel grande business che furono a Roma i lavori per il Giubileo del 2000. Allora a presiedere le riunioni per i lavori dell’Impregilo era niente di meno che l’architetto De Bonis, sedicente nipote del prelato dello Ior Donato De Bonis, figura centrale di tutta la finanza vaticana, diabolico artefice dello “Ior parallelo” in capitoli tanto torbidi quanto decisivi della nostra storia del dopoguerra: basterà qui ricordare l’affaire Ambrosiano-Sindona-Calvi o l’affaire Tangentopoli. Legato, a quanto pare, alla mafia, alla P2 e ad Andreotti, Donato De Bonis giocò alla grande in quella grande industria del riciclaggio che ha rischiato e forse tuttora rischia di travolgere il Vaticano. Il Cardinal Rosalio Lara presiedette la commissione che tanta fatica fece ad affrontare il problema Ior-Donato De Bonis e non pare abbia certo brillato di chiarezza.

Pensando a tutto ciò, come si fa a essere tanto felice quanto il ministro per le Infrastrutture e i Trasporti Altero Matteoli (ex MSI e quota AN) che oggi ha subito esultato a ‘Radio Anch’io’: “Lieto che una nostra impresa partecipi alla realizzazione di grandi opere infrastrutturali come quella di Panama”? Penso che il ministro, dicendo “nostra impresa”, si riferisse naturalmente al senso di patriottismo italico che da sempre ha accompagnato AN, sia prima di Fiuggi che dopo. Mi resta però la curiosità: per il ministro è più “nostra” l’impresa o sono più “nostri” i morti abruzzesi?

Quanto al gruppo di costruzioni spagnolo Sacyr Villerhmoso, ha di recente vissuto gravi difficoltà finanziarie e ancora oggi è uno dei costruttori più indebitati di Spagna con urgenza di liquidità, con un debito di 18.300 milioni di euro. Come abbia fatto a ottenere la commessa Panama con la Impegilo è uno dei tanti misteri del mondo d’oggi. Penso che, nel suo recentissimo viaggio in Spagna, anche Gianfranco Fini (ex MSI e quota AN) ne abbia parlato con il suo grande ammiratore Aznar, ex tantissimo amico di Silvio Berlusconi. Ma- senza più opposizione – che conta ormai la “cosa” Berlusconi? Conta molto di più la “nostra impresa” Impregilo.