2009/10/10 – Nobel per la pace a Barack Obama

Mi esalta l’assegnazione del Nobel per la pace a Barack Obama. Mi esalta soprattutto per la motivazione. Al di là dei risultati già ottenuti, che pure ci sono e importanti, si è voluto premiare chi, con la sua sola presenza e con la sua azione di pochi mesi ha già cambiato il clima della politica internazionale, aprendolo al dialogo come non mai. Si è voluto premiare l’atteggiamento di quest’uomo. Prima di tutto la pace è un atteggiamento, una “in-tenzione”, è quel tendere verso non un senso, ma verso il senso. E il senso o, come direbbe Kant, il fine per eccellenza è l’uomo, l’uomo che, in tutta la pregnanza della sua diversità e, a volte, della sua sola presenza, “inter-roga” (cioè chiama in mezzo) l’altro uomo, provocandolo al confronto, alla identificazione di sé, a una idenittà sempre più nuova e sempre più ricca.

La storia stessa di Obama è la garanzia del senso e del destino: incarna il con-esserci (mit-sein) di tutta l’umanità. È figlio di un africano e di una americana che, a propria volta, ha radici europee, è marito di una donna che ha le proprie radici nella esperienza tremenda della schiavitù e della violenza sulla donna schiava. È ragazzo in Asia, vive poi nell’Oceania della Hawaii, si afferma a Chicago. Tutti i continenti abitano in lui. Così pure abitano in lui il nero, il bianco, il giallo, il meticcio; abitano in lui Cristianesimo e Ebraismo, Islam, Animismo. Abitano in lui tutte le storie, con le loro tragedie di prevaricazioni, di asservimenti, di colonialismi vecchi e nuovi, di morte e violenze subite e arrecate; con i loro entusiasmi di conquiste, di incontri, di riscatti, di frontiere superate, di orizzonti spalancati, di fecondità nuove e insospettate. A tutto questo caleidoscopico fantastico coabitare lui sta dando sintesi, corpo, unità, vita, parola. Ci sta dicendo che tutto ciò è risorsa, è la risorsa, è la ricchezza vera. Ha saputo dapprima vivere tutto ciò come propria identità e come proposta di utopia, per poi trasformare tutto ciò in disegno politico, cioè in possibilità di piena realizzazione, in responsabilità che ci abilita tutti alla speranza e alla costruzione politica della speranza.

È questo uno di quei rarissimi momenti in cui un uomo sa incarnare in sé e fare vivere in sé stesso l’aprirsi politco della utopia e del sogno.

Evviva il Nobel a Obama. Evviva Obama al Nobel.

Annunci

Una Risposta to “2009/10/10 – Nobel per la pace a Barack Obama”


  1. […] Faccio seguito qui al mio post sull’assegnazione del Nobel per la pace al Presidente degli Stati Uniti d’America Barack Obama (2009/10/10 – Nobel per la pace a Barack Obama). […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: