2009/07/02 – la follia dei guitto tra grandi opere e grandi disgrazie

Doveva essere il governo delle grandi opere. È il governo dei grandi disastri, in grandissima parte evitabili. Volevano costruire il Ponte sullo Stretto e non sanno garantire il minimo indispensabile: che per esempio la Casa dello Studente e l’ospedale de L’Aquila siano costruiti decentemente; o che la manutenzione dei treni sia affidabile; o che vengano rispettate le più elementari norme sulla sicurezza nei trasporti.

Nel frattempo l’estate passerà in fretta. Vedremo che sarà delle promesse di rapidissima ricostruzione in Abruzzo e di interventi immediati a Viareggio.

Intanto gli ormai non più soffocabili né oscurabili fischi che sempre più massicciamente lo accolgono non hanno permesso a Berlusconi di replicare anche a Viareggio le seriali esibizioni di commozione e solidarietà messe in scena a L’Aquila. Neanche a L’Aquila, a quanto pare, può più tornare a farsi applaudire. Povero guitto! Non può più fare l’ “utilizzatore finale” neppure di disgrazie e tragedie! Senza possibilità di esibizione come farà a sedare la propria folle angoscia?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: