Come commento al mio post Il funerale a Lucio Dalla non si doveva fare, parola di fanatici omofobi (Bruno Volpe, mons. Babini e il portale www.pontifex.roma.it) – 04/03/2012, ricevo da Como quanto segue:

Sul “Il Corriere di Como” di ieri (08 marzo 2012) e di oggi viene comunicato l’arresto di un ex parroco di una chiesa in Como centro, parroco che copriva anche il ruolo di economo per tutta la diocesi comasca, arrestato con l’accusa di violenza sessuale su una minorenne frequentatrice della parrocchia. Violenza sessuale ripetuta, che ha avuto inizio 4 anni fa ed e’ continuata fino a qualche settimana fa…mi vien da dire interrotta dall’arresto. Essendoci un’inchiesta in corso, le notizie pubblicate rimangono nell’essenziale, e dico per fortuna se questo puo’ garantire un regolare processo. Mi rattrista molto invece notare che il quotidiano locale, che la maggior parte della popolazione comasca legge, cioè “La Provincia”, non riporti affatto la notizia (parlo per la pagina online, non so nulla invece della versione cartacea). Ma se anche ci fosse un articolo su carta…non dovrebbe essere una notizia da pubblicare anche in rete?
L’indagine e’ in corso, il prete si difenderà e sarebbe scorretto ora dare un giudizio affrettato. Certo e’ che, avendo gia’ incarcerato il sacerdote, la polizia aveva accuse e prove di un certo spessore… Una luce in questo buio infinito viene da una scelta fatta dall’attuale parroco della stessa chiesa. Egli, dopo aver raccolto alcune confidenze della ragazza, ha SCELTO di parlarne con i genitori della vittima e quindi ha PERMESSO di portare luce su una pagina cosi’ buia della nostra societa’, dato che i genitori hanno chiesto aiuto alle forze dell’ordine le quali sono partite con le indagini.
Ripeto, il processo e’ ancora tutto da fare, ma violenze di questo tipo nella chiesa sono un fatto REALE, e sarebbe ora di tirare fuori la testa dalla sabbia e togliere anche il piu’ piccolo granello rimasto nelle orecchie e negli occhi!
Questo problema non e’ solo di quel prete e della ragazza in questione, e’ un dolore che colpisce la società’ e SIAMO NOI LA SOCIETA’! Come possiamo difendere le giovani promesse di domani se non spezziamo la catena di errori che soffocano ogni germoglio?? Se le accuse verranno tutte confermate…vi rendete conto cosa rappresentano 4 ANNI per una minorenne? Tutta la sua adolescenza e’ stata inghiottita in un ventre che non la restituirà più, e il nostro silenzio non può che dare ancora più spazio a quel ventre. E ancora più fame.
Eppure….eppure nelle interviste per strada sull’accaduto, c’e’ chi risponde: “sono tutte voci” senza dare il minimo ascolto a un grido d’aiuto, senza fermarsi per abbracciare, capire…no…spingi ancora la testa più giù, cosi’ che anche le vie respiratorie e le mani e i piedi vengano bloccati da una sabbia rassicurante che nulla fa mutare.
Sono andata a vedere il portale “cattolico” (www.pontifex.roma.it) che gridava scandalo per i funerali in Chiesa di Dalla, scandalo per la celebrazione di un peccatore.
Io non ho trovato alcun cenno sulla faccenda che riporto qui.
E non venitemi a raccontare che non se ne parla perché’ il prete di Como e’ meno famoso di Dalla!!!!
Pero’ ho trovato un altro articolo su quel portale, che annuncia di voler pubblicare d’ora in poi “testimonianze” di omosessuali, e cito testualmente: “guariti per mano di Dio”.
Ho chiuso il portale perché avrei rischiato di distruggere il mio pc buttandogli contro una sedia tutta intera, DAI NERVI!
Dunque…o Dio si e’ un po’ confuso nel dare i suoi aiuti, ma non penso che sia cosi’, o gli uomini hanno un bel frappe’ misto in testa di fesserie spacciate come piccoli miracoli.
E poi mi chiedo, a questo punto, chi sono i peccatori agli occhi di certi uomini di Chiesa? Perché davanti a determinate considerazioni e giudizi taglienti, …beh mi auguro che infilino anche me tra i peccatori! Farei un sospiro di sollievo!!
Tornando all’arresto comasco, che la giustizia UMANA faccia il suo corso seguendo le giuste regole per una convivenza di una società che vuole essere sana. Strano destino il fatto che un arresto per un delitto cosi’ disumano quale una violenza sessuale, abbia avuto luogo l’8 marzo, giorno di festa per tutte le donne. E’ indice di un grave gravissimo problema che VA AFFRONTATO, e forse speranza che le porte per affrontarlo ci sono, vanno aperte pero’.
Chiudo mandando un abbraccio a tutte le donne che hanno visto la loro femminilità calpestata con maschere di fango e a tutti gli omosessuali che hanno visto la loro personalità coperta da sputi acidi. E’ un abbraccio che non vuole finire mai.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: