Un video girato con un telefonino mostra come muoiono le persone respinte in Libia e dalla Libia “rimandate” ai loro paesi attraverso il deserto. Non ci voleva molta fantasia a pensarlo, ma ora anche gli stupidi possano vedere a quali atrocità portano la politica dei respingimenti e la collaborazione con Gheddafi.

Non so come facciano Berlusconi, Maroni e Compagnia a dormire, ma forse, nel loro caso, avere cadaveri sulla coscienza rimbocca le coperte e fa dormire meglio. Senz’altro più di loro dormono complici gli elettori che li hanno eletti e l’opposizione che assiste e non parla più di tanto, meno che meno fa l’opposizione che testimonia e denuncia.

E che fa quello strano papetto arroccato nelle mura Vaticane, ossessionato dalla Verità e dimentico del vero vivente? Perché non sale ogni Calvario della storia? Perché non va dove l’uomo è ucciso? Perché non mette il piede, la faccia, l’anima nel deserto tra Libia e Niger? Perché non va ad Haiti ad abbracciare chi muore? Perché non va in Amazzonia, in Africa, in Tibet e in mille altri luoghi a impedire i genocidi, a fermare i massacri? Perché non era a Rosarno tra i neri schiavizzati, impallinati, sprangati ed espulsi contro ogni logica e ogni diritto? Perché non denuncia le falsità? Perché lascia che la Chiesa sia ricattata dalle mafie, dalla P2, dai corrotti? Perché lascia la Chiesa in mano al potere castrante dell’Opus Dei e di CL o ai maneggioni salesiani del sudamerica? Perché tace le ambiguità, copre le collusioni, nasconde le omertà, impedisce la verità?

Non basta dire due parole all’Angelus domenicale dall’alto di quella finestra trespolo, che lo zooma all’indietro portandolo e lasciandolo fuori dalle storie e dalle umanità.

Charitas in veritate ha titolato l’ultima enciclica. Non credo sia un caso l’uso di quell’ablativo e di quello stato in luogo. Per lui l’amore (charitas) è un contenuto dentro una verità statica, una verità contenitore. L’amore per lui è come una lumaca o un mitile dentro a un guscio chiamato verità. Forse non era meglio dire e vivere Charitas in veritatem? L’amore si coniuga con la verità solo se la verità è tensione, cammino, inquietitudine; solo se vive nell’incontro e nella relazione con quel vero vivente che è l’uomo, gli uomini, gli esodi, i drammi, i calvari quotidiani, la vita di chi vorrebbe vivere e non disperare. Non si possono evitare le shoah della storia restandosene chiusi nelle mura vaticane. E, se proprio vogliamo dirla in latino, Charitas vera inter homines est, cum hominibus est, in hominibus loquitur ac vivit, quia Logos habitat in nobis.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: