Lavare i piedi a una donna e a un musulmano. Croce d’acciaio e non d’oro, senza mozzetta d’ermellino e senza scarpette rosse. Ma che Papa è Francesco? – 02/04/2013

2013/04/02

Un amico mi scrive;

Oggi, stamattina, alcuni tradizionalisti cattolici, come il Il sito tradizionalista «Rorate Coeli», oppure Pontifex, hanno iniziato a criticare apertamente Papa Francesco: il primo portale l’ha attaccato perché ha lavato i piedi a un musulmano e a una donna, gridando allo scandalo soprattutto per quest’ultima; e il secondo ha detto che un Papa non può essere un semplice “fraticello”, sottolineando l’abbandono della croce d’oro e delle scarpette rosse e della mozzetta rossa d’ermellino, come segni di inutile “pauperismo”, che infliggono alla chiesa l’umiliazione della bellezza che celebra Dio, cioè della simbolica di riti, abiti, arredi, edifici sacri. Che cosa ne pensi? Sono gli stessi farisei di Gesù?

Orrore! Toccare i piedi a una donna? Come si può, da Papa? Poi magari con le donne ci tocca ragionarci assieme, ascoltarle, capirle, rispettarle.

Idem per i musulmani. Lavare i piedi a un musulmano, che poi magari li usa per darti una pedata? Meglio una pedata pulita che una sporca? L’unica lavata praticabile a un musulmano è quella di testa! Come si può oggi credere ancora a Maometto, magari pure con i piedi puliti?

E, poi, parliamoci chiaro, l’umiliazione della lavanda dei piedi è solo un fatto liturgico e simbolico. Con la liturgia bisogna andarci molto, molto piano: pianissmo, con piedi non puliti, ma di piombo! E pure con i simboli, si sa, bisogna andarci piano. Un simbolino oggi , un simbolino domani e ti trovi che anche tu devi lavare i piedi a tutti i miscredenti o, peggio, a tutti i poveri cristi del mondo. Non sia mai detto.

Che bisogno c’era poi di non mettere una croce d’oro? Se non si fa più d’oro nemmeno la croce, come si fa con il resto? Vuoi vedere che questo qui ti fa pure lo lOR d’acciaio? E poi dove andiamo a riciclare i fondi neri e le tangenti?

Quanto è ridicolo poi lasciare le scarpette rosse! Come se importasse averle rosse o nere! Importante è non il colore delle scarpe, ma che il Papa se ne stia fermo, immobile. il rosso delle scarpe era solo un piccolo vezzo, una chicca. Era solo un residuo del rosso cardinalizio: mica si può diventare Papa per intero, dalla testa ai piedi! E poi basta con i piedi! Come se a decidere fossero i piedi, lavati o sporchi, in scarpe rosse o nere!

E la mozzetta d’ermellino non era bellina? Perché toglierla? Poi si lamentano che vengono i reumatismi alle spalle! Oggi la mozzetta, domani chissà, va a finire che il Papa si mette a nudo veramente. E poi pretende che, magari, lo facciamo anche tutti noi. Il Papa non può mettersi a nudo. E poi Papa non può pretendere che anche noi ci mettiamo a nudo con tutti, magari e prima di tutto in senso morale e finanziario. Il pauperismo è roba da medio evo. Dobbiamo essere attuali, moderni. Basta con i tradizionalismi! Basta con questo vecchio cristianesimo medioevale o, peggio, con il cristianesimo delle origini!!! basta con questi tradizionalismi da presepe francescano!!! È ora di finirla, anzi è ora di non cominciarla neppure. Speriamo che faccia la fine di Papa Luciani: una bella morte veloce dopo 33 giorni! Davvero una morte d’oro! 33: ecco il numero perfetto, davvero il numero della salute sia del Papa (di questo Papa) sia della chiesa! 33 come gli anni di Gesù, che volere di più? 33 giorni: un papato low cost, un papato fast food, un papato low and fast! Evviva!

Annunci

4 Risposte to “Lavare i piedi a una donna e a un musulmano. Croce d’acciaio e non d’oro, senza mozzetta d’ermellino e senza scarpette rosse. Ma che Papa è Francesco? – 02/04/2013”

  1. Elena Says:

    Carissimo Gigi,

    facciamo un pò di più di 33 giorni che bisogno di speranza e belle notizie c’è! Speriamo che 33 sia la risposta da dare al medico: “Dica 33” “Ma io sto bene, tiè!”
    Quando è stato eletto questo Papa lo guardavo con l’occhio a mezz’asta…un pò curiosa…un pò in difesa perché il suo predecessore PROPRIO NON MI PIACEVA!!!!!
    Ma quando la CEI ha fatto la mega gaff di congratularsi ufficialmente con Scola quando Scola è rimasto dov’era…sto Papa mi è diventato subito simpatico! Arriva di sorpresa con un vento di cambiamento e speriamo che SOFFI VIA UN SACCO DI STATICITA’ AMMUFFITA!
    Tu parli di piedi e di semplicità, e subito mi vengono in mente le parole di un musical di tanti anni fa…. che …guarda un pò: parlava proprio di Francesco!!!!
    Ricordo qui alcune frasi che si sposano alla perfezione con questo Papa e speriamo gli portino forza e fortuna!

    Da “Forza venite gente che in piazza si va”:

    Francesco:
    Eccoli i tuoi soldi, tieni padre, sono tuoi,
    eccoti la giubba di velluto, se la vuoi.
    Non mi serve nulla, con un saio me ne andrò.
    Eccoti le scarpe, solo i piedi mi terrò.
    Butto via il passato, il nome che mi hai dato tu,
    nudo come un verme non ti devo niente più.
    Chiara:
    Non avrà più casa, più famiglia non avrà.
    Francesco:
    Ora avrò soltanto un padre che si chiama Dio!
    Coro:
    Forza venite gente che in piazza si va
    un grande spettacolo c’è,
    Francesco al padre la roba ridà.
    Padre:
    Figlio degenerato che sei!
    Chiara:
    Non avrai più casa, più famiglia, non avrai.
    Non sai più chi eri, ma sai quello che sarai.
    Francesco:
    Figlio della strada, vagabondo sono io,
    col destino in tasca, ora il mondo è tutto mio.
    Ora sono un uomo perché libero sarò,
    ora sono ricco perché niente più vorrò.
    Chiara:
    Nella sua bisaccia pane e fame e poesia.
    Francesco:
    Fiori di speranza segneranno la mia via!
    Coro:
    Forza venite gente che in piazza si va
    un grande spettacolo c’è.
    Chiara:
    Francesco ha scelto la sua libertà.
    Padre:
    Figlio degenerato che sei!
    Coro:
    Figlio degenerato che sei!
    Chiara:
    Ora sarà diverso da noi…

    A me vien da dire che in questo caso il “padre” è l’insieme di tutti quelli che si scandalizzano per un ermellino in meno (…e chissà quanto son contenti gli ermellini!!!) e che storcono il naso davanti al legno che profuma di legno naturale e ai piedi che profumano di strade. Ecco….che quei piedi si RIEMPIANO di colori e strade e gente, e se serve….che diano un bel calcio nel sedere anche a chi sta arroccato ai vecchi privilegi: magari si scrostano un pò pure loro, e forse si rendono conto che sulla strada siamo in tanti, ma tanti, e che i privilegi sono pochi e oggi, in particolare oggi, non hanno ragione di essere!

    FORZA VENITE GENTE CHE IN PIAZZA SI VA! FRANCESCO AL PADRE LA ROBA RIDA’!

    ….era anche ora, o no?

    Oggi c’è il sole. Io mi sento bene e sono felice, e vedere gente che ha il coraggio di andare “contro” verso il sole comune, mi fa respirare un’aria che sorride!

    Elena

  2. mario Says:

    ” E poi…è proprio detto che la Chiesa debba coincidere col Vaticano? Se- facendo una donazione della grande scenografia ( folcroristica) dell’attuale sede vaticana….il papa andasse a sistemarsi…, con i suoi collaboratori, in qualche scatinato di Tormarancio o del Tuscolano, non lontano dalla catacombe di San Damiano o Santa Priscilla- la Chiesa cesserebbe forse di essere Chiesa?”
    ( da P.P.Pasolini -Scritti Corsari)

    Mi sembra una bella profezia, ricordando l’attuare residenza scelta dal papa gesuita/francescano.
    Ho desunto la notizia da Avvenire del 4 aprile c.m.-Roberto Carnero

    mario

  3. mario Says:

    L’unico simbolismo che mi interessa è la Messa nella sua essenzialità, possibilmente breve e senza alcun orpello, sia pure di elevato contenuto artistico come possono essere alcuni canti.
    Il Vescovo di Roma, Papa Francesco, è papa in quanto vescovo di Roma.
    Un religioso, un gesuita, educato all’essenzialità tipica degli esercizi di Sant’Ignazio.
    Non ha assunto il nome di Ignazio ma di Franscesco quasi a dimostrazione che non esistono, nella testimonianza evangelica della Carità, contrapposizioni di ordini religiosi.
    Francesco, papa in quanto vescovo di Roma, ama e prega come Gesù nell’orto degli ulivi.

    mario


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: