“Non ci sto”. Lettera di un cittadino di Adro per i bambini discriminati in mensa – 15/04/’10

2010/04/15

CLICCA QUI -> Cittadino di Adro

Ringrazio di cuore chi l’ha scritta. Anch’io, a modo mio, sono stato da piccolo un bambino discriminato. So che segni può lasciare l’esserlo stato e quanto sia difficile risalire la corrente delle discriminazioni subite. Chi ha scritto questa lettera, dà una carezza al bambino di ieri e rende felice l’uomo di oggi, che vorrebbe tanto avere per amico una persona tanto bella.

Grazie.

 

Annunci

Una Risposta to ““Non ci sto”. Lettera di un cittadino di Adro per i bambini discriminati in mensa – 15/04/’10”

  1. mario Says:

    ” Anch’io, amio modo, sono stato da piccolo un bambino discriminato”.

    ” A quasi sei anni, ricorda, andava a scuola vestito da bambina. Evidentemente si trattava del grembiule usato alle elementari; grembiule che però gli andava stretto, poichè le sue braccia ^ diramavano a mezzo metro fuori dalle maniche^.
    La Maestra che ha insegnato per quarant’anni a fare le aste… lo seguì e lo incitò dicendogli, quando gli altri scolaretti lo diridevano : ^ Non preoccuparti, sei i più bravo di tutti^ ”
    ( Turoldo, l’uomo, il frate, il poeta)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: